Duchesse de Bourgogne: la birra che abbraccia il cioccolato

Sebbene possa sembrare insolito, una birra può essere abbinata non solo a pietanze salate, bensì anche a quelle dolci.
La gioia delle papille gustative raggiungerà il culmine, affiancando la gustosa schiuma del boccale all’inestimabile amore che ognuno di noi nutre per il cioccolato.

In generale sarebbe meglio considerare le birre che raggiungono almeno il 6% di alcol e tenere a mente il potere della percentuale di zucchero presente nel cioccolato: più è alto questo valore, più si avrà bisogno di una birra adeguatamente aromatica per bilanciare lo zucchero.
Una regola generale è quella di scegliere una birra dolce almeno quanto il cioccolato che si vuole abbinare, sia esso fondente, al latte o bianco.
L’intensità di ciò che si mangia si può bilanciare o spezzare con la birra. Se un dessert al cioccolato è molto dolce, birre luppolate come le double IPA, quindi più amare, doneranno equilibrio.
Allo stesso modo un quadretto di buon cioccolato bianco può attenuare l’aggressività di una birra molto amara.
L’abbinamento deve tenere conto anche della natura del cioccolato: una mousse di fondente, una torta di cioccolato senza farina o i tartufi sono preparazioni molto ricche che idealmente si accompagnano con birre scure e forti come le imperial stout, i barley wine e altre birre invecchiate in botte, con aromi di bourbon, vaniglia e sherry.
Al contrario un nudo quadretto di cioccolato fondente extra bitter soffrirebbe dell’abbinamento con simili birre, perché anche se la combinazione in qualche modo funziona, la ruvidezza dell’alcol finirebbe per dominare il palato.

Noi oggi presentiamo la Duchesse de Bourgogne, birra scura di tipo ale.
E’ una birra tradizionale prodotta nelle Fiandre belghe occidentali.
La veste di questa birra belga è di colore nero e rosso, un vero rubino scuro che si arricchisce di una cremosa schiuma.
Gli aromi, ricchi e generosi, rivelano le note di frutta e spezie.
Al palato, complessa, offre dei sentori di vaniglia e frutta.
Cremosa in bocca, vi farà scoprire un oceano di sapori.
Perfetta da gustare con torte alla frutta e cioccolato.

VERHAEGHE

Brewery Verhaeghe Vichte è stata fondata da Paul Verhaeghe nel 1885.
In questo periodo, la maggior parte dei produttori, cerca di vendere le proprie birre nelle vicinanze della fabbrica.
Invece Verhaeghe dimostra sin da subito l’idea di esportare, sfruttando al meglio la ferrovia costruita prima della Prima Guerra Mondiale che collegava Vichte con Bruxelles.
Durante la Seconda Guerra Mondiale, su ordine dei tedeschi (che occuparono il Belgio), la produzione venne bloccata e la fabbrica smantellata.
Durante i quattro anni di inattività, l’azienda perse tutti i suoi clienti di Bruxelles, ma rimboccate le maniche, nel dopoguerra, viene ristrutturata la fabbrica ed inizia, seguendo le tendenze del mercato, la produzione di birre a bassa fermentazione.
Oggi la fabbrica Verhaeghe esporta moltissime birre fuori i confini nazionali.