Champagne Gosset Grand Reserve

LA CANTINA 
Una storia che affonda le radici addirittura nel XVI secolo, ed esattamente nel 1584, anno in cui Pierre Gosset, ad Aÿ – comune francese del dipartimento della Marna – iniziò la propria attività di vitivinicoltore, producendo vini fermi, perlopiù rossi, ottenendoli esclusivamente dalle uve raccolte nei vigneti di proprietà.

Nel XVIII secolo poi, sempre ad Aÿ, iniziarono a essere prodotte le prime bollicine, antenate, in sostanza, di quelli che sono oggi gli Champagne etichettati Gosset.

Con gli appezzamenti vitati rientranti quasi totalmente nelle classificazioni Grand Cru e Premier Cru, la Maison Gosset è rimasta a gestione familiare per ben quattordici generazioni, precisamente fino al 1994, quando venne venduta alla famiglia Cointreau.

Attualmente, la cantina ha sede ad Epernay, ma la filosofia è rimasta quella delle origini: senza rinunciare alle più moderne attrezzature enologiche, sono rispettate puntualmente le più antiche e radicate tradizioni locali.

Continuano in questa maniera a essere prodotti gli Champagne Gosset, rinomati in tutto il mondo, e famosi soprattutto per la loro naturale freschezza fruttata, mantenuta evitando rigorosamente la fermentazione malolattica, in modo da esaltare la fragrante aromaticità delle uve.
Champagne, quindi – quelli etichettati Gosset – di straordinario livello qualitativo.
Dorato al calice, luminoso, cristallino e brillante.
Il naso è attraente ed espressivo, caratterizzato inizialmente da sentori fruttati, poi seguiti da ricordi di frutta secca, da sfumature speziate e da richiami ai lieviti e al pane tostato.
Fresca la bocca, sorretta da una ricca sapidità e di lunga persistenza.

ABBINAMENTI
Perfetto come aperitivo e accompagnato con tartare di tonno